Come si gioca a beach volley? Gesti tecnici del beach volley

Il beach volley è uno sport così bello e sociale che in questo post spiegherò come giocare a beach volley.

Sicuramente vi sarà capitato più di una volta di passeggiare sulla spiaggia o di fare una nuotata e di vedere delle persone giocare a beach volley.

Molte volte, quando giochiamo a beach volley, le persone ci guardano e vorrebbero provare a giocare, ma per l’imbarazzo o perché non sanno come si gioca, ci fissano e la loro faccia si vede. il desiderio di giocare a beach volley.

Se siete tra quelli che si limitano a fissarvi, vi incoraggio a provare un giorno il beach volley, è uno sport molto coinvolgente.

COS’È IL BEACH VOLLEY?

Il beach volley è uno sport giocato su una superficie irregolare, la sabbia.

È considerato una variante della pallavolo, ma in pratica è molto diverso sia nel gioco che nelle regole.

  • Non ha lo stesso numero di giocatori.
  • Le regole del beach volley sono diverse da quelle della pallavolo.
  • La palla è totalmente diversa sia per la consistenza che per le dimensioni.
  • Le dimensioni del campo Le dimensioni del campo da gioco variano nella pallavolo e nel beach volley.
  • L’ambiente dove viene praticata è diverso, sulla spiaggia abbiamo il sabbia, il sole, il vento, ecc.
  • Il sistema a punti è anche diverso.
  • Tecnica, sebbene simile, è diversa anche per quanto riguarda l’esecuzione del colpo.
  • L’unica cosa che il beach volley ha di simile alla pallavolo è nell’altezza della rete e nei tre tocchi massimi consentiti per ogni squadra.

Pertanto, intendere il beach volley nel contesto della pallavolo è sbagliato.

Se siete interessati a saperne di più sulle differenze tra i due sport, potete consultare un articolo che ho scritto su le differenze tra beach volley e pallavolo.

COME GIOCARE A BEACH VOLLEY – LA TECNICA

In ogni sport, per la sua corretta esecuzione e per il suo sviluppo, c’è aspetti tecnici e tattici.

Per farvi capire come si gioca a beach volley, analizzeremo i seguenti aspetti aspetti tecnici di cui è necessario essere consapevoli prima di fare il salto nell’arena per conquistare il campo.

Nel beach volley è un requisito indispensabile per conoscere la tecnica che è la posizione del corpo e come colpire la palla per la sua corretta esecuzione.

È così alta la domanda di questa tecnica nel beach volley, che oltre alla dimensioni del campo che si deve coprire con il proprio partner, più il ambiente ostile dove pratichiamo il beach volley, la sabbia e le condizioni atmosferiche.

FATTORI AMBIENTALI NEL BEACH VOLLEY

Prima di passare ai gesti tecnici di base per sapere come giocare a beach volley parlerò dei fattori ambientali.

La prima cosa che faccio quando arrivo all’arena è vedere le posizione del sole, dove il ventose il vento soffia forte o a raffiche e ispezionare la superficie per verificare l’eventuale presenza di elementi che potrebbero essere pericolosi per il gioco.

A il seguente articolo Vi dico che fattori esterni che bisogna prendere in considerazione per imparare a giocare a beach volley.

Conoscere e saper sfruttare le condizioni dell’ambiente in cui si gioca una partita di beach volley è decisivo per vincere.

COME GIOCARE A BEACH VOLLEY – LE MOSSE

Il movimento sulla sabbia è uno degli elementi tecnici più importanti per imparare a giocare a beach volley.

Quando si gioca per la prima volta a beach volley sulla sabbia è normale che ci si senta un po’ impacciati.

Normalmente siamo abituati a praticare sport in cui indossiamo scarpe sportive, e nel beach volley siamo abituati a praticare sport in cui indossiamo scarpe sportive, e nel beach volley siamo abituati a praticare sport in cui indossiamo scarpe. giocare a piedi nudi o al massimo con calze in neoprene.

Il fatto che giocare a piedi nudi e sulla sabbia vi farà sentire sbilanciati nelle prime sessioni. Il corpo si sente più pesante e il passo è diverso rispetto a quello di chi gioca su una superficie liscia.

Ecco perché muoversi sulla sabbia sarà una delle cose più difficili da fare. primi passi per imparare a giocare a beach volley.

Nelle mie sessioni di allenamento dico sempre che non importa quanta tecnica si abbia dalle braccia in su, se nel beach volley non si usano le gambe e non ci si muove rapidamente, è inutile avere un’ottima tecnica di braccia.

È importante ridurre al minimo le sollecitazioni nella sabbia evitando spostamenti inutili.

La tecnica migliore è quella che ci permette di raggiungere la palla nel minor tempo possibile e con il minimo dispendio di energia.

Tutti i movimenti devono essere il più possibile in avanti, evitando movimenti laterali e all’indietro come ultima risorsa.

Nel beach volley esiste una situazione di dislocazione in cui il spostamento all’indietro è necessario, come nel caso dell’uscita dal blocco.

COME GIOCARE A BEACH VOLLEY – GESTI TECNICI.

Una volta acquisita la padronanza dei movimenti, che vengono eseguiti in diversi esercizi durante il riscaldamento e durante l’intero allenamento, dovrete imparare contemporaneamente i gesti tecnici per saper giocare a beach volley.

IL SERVIZIO NEL BEACH VOLLEY

Il servizio è il primo gesto tecnico nel beach volley che dobbiamo imparare.

Il servizio deve essere considerato come il primo elemento di attacco.

È l’unico momento del gioco del beach volley in cui la giocatrice ha la palla ferma, in mano e con la palla in mano. la possibilità di fare un punto.

Quando si serve bisogna analizzare il campo, la posizione dei giocatori e gli elementi ambientali che ho menzionato prima, la velocità del vento, il sole, il terreno di gioco.

È inoltre importante padroneggiare vari tipi di servizio perché a seconda delle circostanze della partita si dovrà utilizzare un tipo di servizio.

LA RICEZIONE NEL BEACH VOLLEY

La ricezione è il secondo elemento tecnico da tenere in considerazione per sapere come giocare a beach volley.

La ricezione è l’elemento che neutralizza il servizio e un attacco e per questo il gesto tecnico più efficace è il tocco dell’avambraccio.

Si parla di ricezione quando si riceve un servizio e di difesa di ricezione quando si riceve un attacco.

La qualità della ricezione dipende dal modo in cui si attacca.

Ecco perché la prima cosa che viene insegnata per sapere come giocare a beach volley è il tocco dell’avambraccio.

Per una ricezione e un tocco di avambraccio corretti dobbiamo:

  • Avere il gambe semipiegate, spalle orientate di fronte al server o all’attaccante.
  • Quando riceviamo la palla, dobbiamo accentuare la flessione delle gambe, le braccia sciolte e stare in posizione di riposo. attenti e tesi.
  • Quando colpiamo la palla dobbiamo avere braccia tese in modo che la palla colpisca il nostro avambraccio, se dividiamo l’avambraccio in tre parti, dobbiamo colpire la seconda parte, al centro.
  • Quando entriamo in contatto con la palla, non solo eseguiamo il movimento del braccio noto come frenata, ma interagiamo anche con la palla al centro. tutto il corpo.
  • Se la palla arriva forte e potente avremo ammortizzare l’impatto scrollando le spalle e separando le braccia dopo il colpo e senza oscillare.
  • La ricezione diventa più complicata quando si deve aggiungere lo spostamento poiché cercheremo sempre di colpire la palla con il corpo rivolto verso di essa cercando di evitare di colpire la palla lateralmente o all’indietro.
  • Inoltre, abbiamo anche la possibilità di ricevere una palla in ginocchio, o se viene troppo difficile da salvare tuffarsi in acquaAnche per il plank facciamo sessioni di allenamento perché è importante sapere come cadere per non farsi male.

IL TOCCO DI PUNTA NEL BEACH VOLLEY

Il tocco di punta è forse la tecnica più elegante del beach volley, ma quando si sembra un pasticcio e l’eleganza è rovinata.

Il tocco di punta viene utilizzato principalmente per passaggio di posizionamento e che il nostro partner possa sferrare un attacco.

Ci sono molti miti sul tocco di punta, se la palla gira, quando commettiamo un fallo, quando facciamo una ricezione, se possiamo passare al campo opposto con le punte dei piedi, tutta una serie di miti che sono quasi tutti falsi e che, se siete interessati ad approfondire il tocco di punta e il gioco di squadra, vi consigliamo di non dimenticare. i miti segreti del tocco di punta, potete vedere l’articolo sul toe-tapping che ho scritto per sfatare i miti.

Per eseguire bene il toe tap dobbiamo:

  • Colpire con il Punta delle dita.
  • Alzare le mani verso il livello della fronte.
  • Puntare i pollici verso il suolo.
  • Separare le mani e formare un diamante o triangolo senza essere completamente chiuso.
  • Quando la palla entra in contatto con le dita dei piedi, flettete le gambe e concludete con un estensione di tutto il corpo.

Nel tocco delle dita:

  • Da permette di trattenere un po’ la palla per ridurre la difficoltà di ricezione.c’è un limite tra ciò che è la ritenzione o meno, che si misura in millisecondi e che rende difficile per l’atleta l’esecuzione e la comprensione della prestazione.
  • Se la palla gira dopo che è stato effettuato il passaggio di posizionamento, è possibile che si sia commesso un fallo, quindi la regola non significa che se la palla viene fatta girare è fallo.
  • Prima di effettuare il tiro dobbiamo essere completamente fermi, Se colpiamo la palla mentre siamo in movimento, probabilmente commetteremo un fallo.
  • Il colpo deve essere effettuato all’altezza del naso o della fronte, mai al di sotto; se colpiamo al di sotto commetteremo un fallo.
  • Una gamba deve essere davanti all’altra, a seconda della zona in cui viene effettuato il passaggio.

IL CALCIO

L’asta è senza dubbio il gesto tecnico più affascinante del beach volley, e per affascinante intendo accattivante.

Il beach volley consiste nell’eseguire una mossa con il proprio compagno, prima con una ricezione, seguita da un passaggio di posizionamento, al fine di concludere il gioco con un attacco.

Ci sono diverse forme di attaccoda un attacco forte o duro, a brevi finte o palle pompate che servono a superare il blocco o il giocatore a seconda della sua posizione in campo.

Quando si esegue un attacco, occorre tenere conto di quanto segue la distanza della rete.

Non è la stessa cosa che fare un’asta. con una palla che colpisce la rete, che con una palla disincagliato o una normale.

Molte volte, non guardando la distanza che abbiamo dalla rete commettiamo errori di attacco.

Uno molto comune è quello di fare una finta corta quando si colpisce la palla lontano dalla rete.

Di solito, se non si calcola la distanza, si fa una finta corta nel proprio campo e questo accade molto spesso.

Per fare un buon attacco dobbiamo tenere conto di quanto segue:

  • L’approccio in esecuzione (frusta) che ci aiuterà a sostituire la forza orizzontale della corsa per convertirla in forza verticale nel salto.
  • Questo approccio sarà caratterizzato dalla posizione dell’attaccante e dal luogo in cui è stata effettuata la ricezione in precedenza.
  • Per l’avvicinamento è consigliabile fare passi lunghi piuttosto che corti e quando stiamo per volare con il freno della corsa, faremo gli ultimi due passi corti.
  • L’ultimo passo dell’attacco segnerà la qualità del salto.
  • Quando si è in aria è importante inarcarsi. il corpo un po’ e il braccio che si armaIl braccio con cui si esegue l’attacco deve essere flesso e il braccio opposto esteso.
  • È importante osservare dove si trova il mio avversario, se ho un blocco davanti all’attacco e sapere quali sono le aree più conflittuali per difendere un attacco.

Resta da fare una postazione esclusiva per l’attacco.

BLOCCO NEL BEACH VOLLEY

Non mi soffermerò troppo sul blocco.

Dire che il blocco è uno dei gesti tecnici che lasciamo per ultimo nell’imparare a giocare a beach volley.

Prendere una palla bloccata è davvero difficile e se non si è alti sopra la rete, sarà quasi impossibile bloccare.

Ci sono molte persone che non hanno un salto nella sabbia e non possono giocare con i blocchi.

Il blocco consiste essenzialmente in un un’azione difensiva contro un attacco dell’avversario raggiungendo la rete per intercettare un attacco.

Come ho detto, non spiegherò molto di più sul blocco, perché la complessità del beach volley e del gioco stesso varia quando c’è il blocco.

Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines analíticos y para fines de afiliación. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías.    Ver Política de cookies
Privacidad